IL TERRITORIO

LA VALLE DEL TIDONCELLO

La Valle del Tidoncello, il torrente che alimenta il nostro mulino settecentesco, è un angolo piacevole e verdeggiante dei Colli Piacentini, dove la natura regna incontaminata per colorare ogni vostro soggiorno con toni di ritrovata autenticità. Siamo immersi in un’atmosfera capace di rievocare la bellezza dei tempi antichi, le tradizioni più genuine e i sapori più autentici.

La posizione privilegiata in cui si trova il Ristorante – Bed and Breakfast Al Mulino rende la nostra struttura una meta particolarmente apprezzata da tutti i visitatori. Lieti di potervi offrire un’accoglienza cordiale e amichevole in ogni periodo dell’anno, vi invitiamo per una gita domenicale fuori porta, per qualche giorno di vacanza e relax o per ospitarvi durante una trasferta di lavoro.

Il contesto paradisiaco in cui abbiamo la fortuna di accogliervi è davvero facile da raggiungere poiché la strada è particolarmente comoda e facilmente percorribile in ogni periodo dell’anno. Non a caso il nostro ristorante viene spesso scelto come tappa gastronomica da quei motociclisti che, soprattutto nella bella stagione, vengono a tuffarsi nella natura della Val Tidone in direzione del Monte Penice.

LA VAL TIDONE

Incuneata fra la Val Luretta, la Valle Staffora e l‘Oltrepò pavese, il territorio della Val Tidone inizia alle pendici del Monte Penice e si estende con le sue splendide colline fino alla pianura dove l’omonimo torrente confluisce nel Fiume Po.

La splendida vallata formata dal Torrente Tidone è una meta privilegiata per chi ama la natura, la storia, l’arte e la cultura italiana: il suo territorio compreso fra le province di Piacenza e di Pavia offre infatti paesaggi armoniosi e suggestivi a chiunque sia appassionato di trekking, ciclismo, equitazione o più semplicemente della buona tavola e del buon vino.

METE CONSIGLIATE

Il nostro Ristorante – B&B è dislocato sull’antica ed apprezzata Strada dei Mulini, un delizioso scorcio della Val Tidone rinomato per gli oltre dieci mulini ad acqua ottimamente conservati che lo caratterizzano. Altri sentieri escursionistici di interesse storico e paesaggistico a noi vicini sono il Sentiero Po-Tidone, la via Francigena e la Strada degli Abati. Ricordiamo inoltre a tutti gli amanti dell’equitazione e del ciclismo, che la Val Tidone è ricca di strutture e percorsi atti a favorire esperienze indimenticabili anche a cavallo, in bicicletta o in mountain bike.

DIGA DEL MOLATO

  • null

    Realizzata negli anni ’30, la Diga del Molato costituisce uno sbarramento che, intercettando le acque del Torrente Tidone, permette la formazione del Lago di Trebecco, un grande bacino situato in Alta Val Tidone. La vista impressionante offerta dalla quest’opera architettonica, rende la Diga del Molato e il Lago di Trebecco una tappa irrinunciabile per il turista in visita.

    Costruita con un sistema ad archi multipli e arricchita da imponenti sculture che si affacciano sulla valle, questa diga è fra le poche ancora in funzione che implementino questo sistema architettonico.

ROCCA D'OLGISIO

  • null

    L’imponente complesso fortificato di Rocca d’Olgisio si erge su un ripido crinale ad oltre 500m di altezza dislocato fra la Val Tidone e la Val Chiarone. Nata come dimora nobiliare ed in seguito ceduta ai monaci di San Savino, questa splendida fortezza accolse alcune fra le casate più importanti d’Italia, quali i Visconti e i Dal Verme.

    Appartenente al circuito dei Castelli del Ducato di Parma e Piacenza, Rocca D’Olgisio è attualmente riconosciuta come monumento nazionale ed è una delle mete turistiche più amate della Val Tidone.

MONTE PENICE

  • null

    Con i suoi 1460m d’altezza, il Monte Penice è una delle cime più elevate dell’Appennino Ligure. Dislocato al confine fra i territori dell’Oltrepò Pavese, della Valle Staffora, della Val Trebbia e della Val Tidone, la sommità del Penice è facilmente raggiungibile da più direzioni.

    Coi suoi scorci incantevoli in ogni stagione dell’anno, questo monte è frequente meta degli amanti dell‘equitazione, dell’escursionismo, dello sci e del bird watching.

OSSERVATORIO DI LAZZARELLO

  • null

    Frutto di un progetto culturale e didattico nato dalla collaborazione fra il Gruppo Astrofili di Piacenza e il Comune di Pecorara, questo Osservatorio Astronomico è stato realizzato nell’isolata località di Lazzarello allo scopo di proteggere le ricerche astronomiche ivi condotte dall’inquinamento luminoso.

    La struttura dispone di diversi telescopi e di sistemi computerizzati per consentire ingrandimenti e fotografie degli oggetti astronomici di altissima precisione.

CASTELLO DI ZAVATTARELLO

  • null

    L’inespugnabile Castello Dal Verme di Zavattarello si erge intatto in tutta la sua magnificenza dopo aver resistito nel corso dei secoli a numerosi assedi.

    Fiera dimora della nobile famiglia Dal Verme, l’imponente rocca sovrasta un borgo medievale oggi immerso in un parco di quasi ottanta ettari in cui si può godere di un’atmosfera di pace grazie alla natura che vi regna incontaminata.

    Dalla terrazza della torre si accede ad una vista mozzafiato che abbraccia nel contempo la Val Verde e le colline dell’Oltrepò Pavese.

BOBBIO

  • null

    Questa romantica cittadina della Val Trebbia offre degli scorci mozzafiato. Ricca di strutture antiche tutte da fotografare, Bobbio affonda le proprie origini nell’Alto Medievo: il suo Duomo, l’antica Abbazia di San Colombano e numerosi altri santuari fanno da cornice a questo antico borgo di origine romana che offre al turista un’esperienza unica tutta all’insegna dell’arte e della cultura.

    Fiore all’occhiello della cittadina di Bobbio è il suo caratteristico e maestoso Ponte Gobbo (o Ponte del Diavolo) che con le sue arcate irregolari e suggestive attraversa il letto del Fiume Trebbia.